Torna al blog
STIPULATA CONVENZIONE CARBURANTI POSSESSORI CARTA DEDICATA A TE

(Public Policy) - Roma, 24 gen - "Ulteriori sconti sul carburante per i possessori della Social Card 'Dedicata a te'. Grazie alla convenzione sottoscritta in data odierna con le principali associazioni di categoria del settore carburanti, gli operatori s'impegnano a praticare riduzioni aggiuntive a favore dei possessori della Carta 'Dedicata a te', contribuendo così alla misura di contenimento dei costi del prezzo alla pompa. Un altro aiuto per le famiglie meno abbienti, che potranno far rifornimento ad un prezzo inferiore". Lo dichiara il sottosegretario della Lega al ministero delle Imprese e del Made in Italy, Massimo Bitonci, a margine della firma della convenzione. L'iniziativa è stata siglata dalle associazioni Unione Energie per la Mobilità, Assopetroli-Assoenergia, Federmetano, Assogasmetano, Assocostieri, e Federchimica-Assogasliquidi e ha registrato anche l'interesse dell'azienda del Gruppo Api-Ip.

Benzina: ridurre il costo delle commissioni bancarie

(ANSA) - ROMA, 08 FEB - "Soddisfatto per l'andamento del confronto avuto con tutte le sigle di rappresentanza dei gestori. Ritengo che i tavoli siano la sede istituzionale più appropriata per un confronto costruttivo e di soluzione alle criticità che caratterizzano il settore". Lo dichiara il sottosegretario delle imprese e del made in Italy, Massimo BITONCI, al termine del tavolo di confronto sulla filiera di distribuzione carburanti, alla presenza delle maggiori sigle sindacali. "Occorre un intervento di ristrutturazione sulla rete di distribuzione, sviluppando e implementando i punti vendita di energia per la mobilità sostenibile. Bisogna pensare non solo alle colonnine, ma anche a qualsiasi prodotto energetico per la mobilità green, come ad esempio i biocarburanti. In merito alla problematica sollevata del costo delle commissioni interbancarie, andrebbe ripreso d'intesa con il Mef, il tavolo che avevo avviato 4 anni fa con tutti i gestori delle carte di credito e i pagamenti digitali, per il contenimento dei costi, che in alcuni casi arrivano ad azzerare il margine di guadagno dei distributori. Indubbiamente l'utilizzo di pagamenti elettronici riduce l'illegalità, ma non per questo deve rappresentare per il benzinaio un aggravio di spesa. Questo governo non intende tollerare l'illegalità di chi vende carburanti sotto costo perché non paga iva e accise. Un danno per tutti gli operatori onesti e una concorrenza sleale. Per questo diventa fondamentale incrociare i dati delle Camere di Commercio con quelli dell'anagrafica degli impianti, in modo da arrivare ad accertamenti mirati sulle truffe e l'evasione. Quanto alla contrattualistica e ai rapporti tra operatori di filiera, d'intesa con Mase lavoreremo per una tipizzazione delle tipologie contrattuali".